Istituto Comprensivo 'Salvatore Colonna'

ASSENZA DA SCUOLA PER MOTIVI DI SALUTE NON SOSPETTI PER COVID-19

Monteroni 01.10.2020
 

COMUNICAZIONE N. 22

 

Ai Genitori
Ai Docenti
Al Personale ATA
Al DSGA
 

OGGETTO: ASSENZA DA SCUOLA PER MOTIVI DI SALUTE NON SOSPETTI PER COVID-19
 

Nella  Direttiva della Regione Puglia-Dipartimento Promozione della salute del 26.09.2020  "Emergenza sanitaria Covid19- Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di TARS-COV2 neòòe scuole e nelle Università della Regione Puglia" al paragrafo 2 si legge  che “Deve essere rimarcata con ogni forma e mezzo la prescrizione, per gli alunni e il personale scolastico e universitario, di rimanere presso il proprio domicilio, contattando il proprio pediatra di libera scelta o medico di famiglia, in caso di sintomatologia e/o temperatura corporea superiore a 37,5°C.
Si ricorda che, al solo fine dell’attivazione delle misure di prevenzione, di protezione e per l’attivazione del pediatra di libera scelta o del medico di famiglia o dei medici USCA, i sintomi più comuni di COVID-19 (fonte: ECDC, 31 luglio 2020) sono:
nei bambini: febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea), faringodinia (dolore localizzato nella faringe), dispnea (respirazione difficoltosa), mialgie (dolore localizzato in uno o in più muscoli), rinorrea/congestione nasale;
• nella popolazione in generale: febbre, brividi, tosse, difficoltà respiratorie, perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), rinorrea/congestione nasale, faringodinia (dolore localizzato nella faringe), diarrea.
Tali sintomi sono sottoposti alla valutazione del medico per la determinazione delle azioni e delle misure da adottare e non costituiscono motivo per la richiesta di esecuzione del test diagnostico.” E al paragrafo 6 si legge  che “In presenza di individui (alunni, operatore scolastico/universitario, genitori/tutori) con sintomi compatibili con COVID-19 o con aumento di temperatura superiore a 37,5°C, il soggetto deve osservare l’isolamento fiduciario, le cautele e le prescrizioni indicate negli allegati 21 e 22 al DPCM 07/09/2020 e deve sempre mettersi in contatto tempestivamente con il proprio medico di medicina generale o con il pediatra di libera scelta o, in caso di impossibilità, con i medici delle USCA i quali devono effettuare le attività di triage telefonico al fine di effettuare sempre una diagnosi differenziale considerando la possibile coesistenza di sintomi riconducibili alla sindrome influenzale e parainfluenzale nonché alla possibile esistenza di patologie diverse (allergie, malattie croniche, etc.) nel soggetto.”
 
Al fine di una costante collaborazione tra la scuola e le famiglie, in presenza di uno o più di tali sintomi, i genitori avranno cura di contattare il medico e, in caso non siano da questi considerati motivo per la richiesta del test diagnostico, il genitore /tutore compilerà l’allegata scheda di autocertificazione.
 
Si ricorda che le vigenti disposizioni di legge, al di là della casistica sopra descritta, impongono per la riammissione degli alunni in classe la presentazione del certificato medico dopo tre giorni di assenza nella scuola dell’infanzia e dopo cinque giorni nelle altre scuole. Resta fermo quanto previsto dalla normativa specifica di cui al decreto del Ministro della Sanità del 15 dicembre 1990, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 6 dell’8 gennaio 1991 (Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive).
 

Il Dirigente Scolastico
F.to Loredana Signore
 

AUTODICHIARAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 D.P.R. N. 445/2000




Condividilo con i tuoi amici!


   
   

@ grafica di Ivan Sammartino - IWStudio